Sistemi economici: mercato e stato | Sistemi economici | Economia

In questo articolo analizzeremo due sistemi economici alternativi al fine di accertare quale sia il più appropriato per promuovere lo sviluppo economico. Un sistema economico è essenzialmente un'istituzione attraverso la quale viene coordinata la concorrenza tra le persone per l'utilizzo delle scarse risorse di una società.

Funzioni economiche del mercato e dello stato:

Il mercato:

È un istituto composto da regole per il controllo delle transazioni volontarie in base al parametro dei prezzi.

Lo stato:

Al contrario, lo stato è un'istituzione costituita da un insieme di regole per la governance.

Un mercato è l'organizzazione che coordina la produzione e il consumo di beni e servizi attraverso transazioni volontarie. Per definizione, le transazioni sul mercato sono volontarie, basate sul libero arbitrio di acquirenti e venditori. Il mercato è, quindi, l'organizzazione per coordinare le attività delle persone nella ricerca dell'interesse personale per aumentare il benessere sociale ed economico.

Al contrario, lo stato è un'organizzazione per monopolizzare il suo potere coercitivo. Usando questo potere, lo stato coordina le attività delle persone secondo il proprio insieme fisso di regole e regolamenti. Come parte di tali regole, lo stato impone il consumo di risorse attraverso misure come la tassazione e il potere militare, indipendentemente dalla volontà di un individuo, assumendosi la responsabilità di fornire beni pubblici come la difesa nazionale, la polizia e le strade che non possono essere fornite dal mercato.

Interdipendenza :

Nonostante i loro ruoli esattamente opposti nelle allocazioni delle risorse, il mercato e lo stato sono collegati separatamente l'uno con l'altro. Pertanto, i due sistemi sono interdipendenti. In questo contesto, ci riferiamo all'importanza di definire chiaramente e far rispettare fortemente i diritti di proprietà privata.

(i) Protezione dei diritti di proprietà privata :

Il primo presupposto per il buon funzionamento del mercato è una chiara assegnazione dei diritti di proprietà su beni e servizi. Risolvendo i conflitti sui contratti tra venditori e acquirenti, lo stato può migliorare notevolmente l'efficienza nelle transazioni di mercato.

Lo stato protegge i diritti di proprietà privata e applica i contratti approvando e facendo rispettare leggi attraverso organizzazioni come tribunali e polizia. D'altro canto, le attività delle organizzazioni statali dipendono fortemente dal mercato.

(ii) La dipendenza dello Stato dal mercato :

Lo stato ha l'autorità di arruolare risorse per le sue attività. Tuttavia, il costo della governance sarebbe estremamente elevato se lo stato costringesse le persone a lavorare contro la loro volontà e procurasse innumerevoli beni e servizi necessari per le sue attività con la coercizione. Normalmente, lo stato acquista beni e servizi necessari dal mercato dal proprio gettito fiscale.

Solo una questione di laurea :

In verità, nessuna moderna economia progressista può funzionare senza lo stato e il mercato. I sistemi economici differiscono a causa della differenza nel modo in cui lo stato e il mercato sono combinati, vale a dire quali aspetti delle attività economiche sono a carico dello Stato, quali aspetti sono lasciati al mercato e le attività di mercato fortemente e ampiamente sono controllate dal stato. È solo una questione di laurea.

La domanda pertinente qui è quale combinazione di queste due organizzazioni ottimizzerebbe la crescita di paesi in via di sviluppo come l'India. La risposta alla domanda dipende dai meriti e dai demeriti dei due sistemi: il mercato e lo stato.

Efficienza del mercato competitivo :

Sia gli economisti classici che quelli neoclassici hanno elogiato il libero mercato competitivo che, a loro avviso, si traduce in un'allocazione socialmente ottimale delle risorse. Il sistema di mercato è essenzialmente un meccanismo per equiparare la domanda e l'offerta di una merce (o servizio) attraverso adeguamenti del suo prezzo.

Ovviamente, un mercato libero ha il potere di stabilire un prezzo unico. Allo stesso modo, il sistema di mercato opera nell'adeguamento del prezzo per equiparare la domanda e l'offerta della merce.

Questo tipo di equilibrio neoclassico tra domanda e offerta attraverso transazioni in un libero mercato competitivo rappresenta un'allocazione efficiente delle risorse per la produzione di una merce per massimizzare il benessere economico nella società. Questo perché nessun operatore di mercato (acquirente o venditore) può aumentare il proprio benessere senza diminuire quello dell'altro - la cosiddetta "ottimizzazione di Pareto".

Fallimento del mercato :

Il sistema di mercato ha funzionato abbastanza bene nel meraviglioso mondo di Adam Smith. L'invisibile meccanismo manuale di Adam Smith funzionò abbastanza bene per più di un secolo e mezzo (1776-1929). E la società si stava muovendo verso un obiettivo distante ma chiaramente visibile (massimizzazione del benessere). Tuttavia, la Grande Depressione del 1929 che durò per circa quattro anni (1929-1933) chiarì che la mano invisibile del mercato doveva essere sostituita, almeno in parte, dalla mano visibile del governo.

E nel 1936 Keynes sostenne che, proprio come la banca centrale è il prestatore dell'ultima risorsa, il governo è il datore di lavoro dell'ultima risorsa. Ciò significa che quando il settore privato non può creare posti di lavoro e redditi, il governo dovrebbe farsi avanti per aumentare la spesa totale e consentire a un'economia depressa di raggiungere la piena occupazione. Il grande crollo del 1929 mise in primo piano la debolezza del mercato, ora noto come il fallimento del mercato.

Se il mercato può ottenere un'allocazione socialmente desiderabile delle risorse, non sarebbe necessario che il governo intervenga in modo coercitivo in attività economiche come produzione, distribuzione, scambio, consumo e investimenti. Tuttavia, il mercato non è in grado di raggiungere l'ottimalità in tutte le attività economiche. Qualsiasi divergenza dell'equilibrio del mercato dal punto di vista dell'ottimalità di Pareto è chiamata fallimento del mercato. Il governo dovrebbe garantire una correzione ottimale del fallimento del mercato.

(i) Beni pubblici :

Prima facie, si verifica un fallimento del mercato nella fornitura di beni pubblici. Il mercato può ottenere un'allocazione efficiente delle risorse solo nel caso di beni privati ​​per i quali i diritti di proprietà privata sono ben stabiliti. Nel caso di beni privati ​​è possibile applicare il principio di esclusione. Solo coloro a cui sono assegnati diritti hanno diritto alla merce.

Altri devono pagare per l'utilizzo di tali beni. Tuttavia, per quanto riguarda la protezione della polizia, l'illuminazione stradale, la difesa nazionale e le conoscenze scientifiche di base generate dalla ricerca fondata dal governo, qualsiasi numero di persone può usarle congiuntamente (non rivalità). Ed è difficile imporre pagamenti adeguati agli utenti (non escludibilità).

Tutti cercano di usare e godere di tali "beni pubblici", senza condividerne i costi (problema dei free-riders). Poiché un'impresa in cerca di profitto non ha quasi alcun incentivo a fornire tali beni (per i quali non può addebitare gli utenti direttamente sotto forma di prezzi e indirettamente sotto forma di imposte), il solo governo è in grado di fornire tali beni a tutte le persone indiscriminatamente. Il motivo è che il governo copre i costi di fornitura di tali beni attraverso le tasse e solo il governo ha il potere fiscale.

(ii) Bad Public :

Il fallimento del mercato deriva anche da problemi pubblici. Le automobili, ad esempio, sono senza dubbio beni privati. Ma inquinano l'ambiente e possono essere trattati come "cattivi pubblici". Quindi la produzione effettiva di automobili supera il livello socialmente desiderabile perché i produttori privati ​​non tengono conto dei costi esterni che impongono agli altri membri della società. Il governo può fissare il livello di inquinamento automobilistico attraverso restrizioni quantitative (cioè fissando quote di produzione) o tasse anti-inquinamento e garantendo così una correzione del fallimento del mercato.

(iii) Informazioni imperfette :

Il fallimento del mercato può verificarsi anche in caso di beni privati ​​puri. Il meccanismo di mercato ottiene la responsabilità sociale quando viene soddisfatta la condizione più importante di una concorrenza perfetta, vale a dire che tutti gli acquirenti e i venditori dispongono di informazioni perfette sui prezzi e sulle qualità delle merci e nessuno può avere il potere monopolistico di influenzare i prezzi di mercato.

In realtà, tuttavia, l'informazione è imperfetta. A causa delle grandi lacune nelle informazioni tra acquirenti e venditori, vi è incertezza qualitativa. È davvero difficile per la maggior parte dei clienti giudicare la qualità dei servizi professionali, come quelli di medici e avvocati. È altrettanto difficile giudicare i servizi finanziari delle banche e delle compagnie assicurative, in particolare per quanto riguarda la sicurezza dei depositi e il pagamento delle assicurazioni.

Se gli acquirenti hanno la possibilità di incorrere in perdite da venditori fraudolenti che utilizzano questa "asimmetria delle informazioni", le transazioni sul mercato saranno inferiori al livello socialmente desiderabile (Pareto-ottimale) o potrebbero addirittura scomparire del tutto. In tali casi di fallimento del mercato, il governo potrebbe dover intervenire limitando i permessi commerciali e le licenze a venditori qualificati per aumentare la qualità delle informazioni agli acquirenti.

(iv) Regolamento del monopolio :

Laddove vi sia una significativa divergenza dell'equilibrio del mercato dall'ottimalità sociale a causa di venditori monopolistici o acquirenti monopsonistici, potrebbero essere necessarie azioni correttive sotto forma di leggi anti-monopolio, come la legge MRTP.

Inoltre, in alcuni settori caratterizzati da un crescente ritorno alla scala, come l'elettricità o l'approvvigionamento idrico, il monopolio locale potrebbe essere più efficiente della concorrenza. In una tale situazione, il governo deve regolare i prezzi o avviare la produzione da parte delle società pubbliche per evitare i prezzi monopolistici da parte dei venditori.

(v) Distribuzione dei redditi :

Il governo ha anche un ruolo importante da svolgere nella ridistribuzione dei redditi. L'equità nella distribuzione del reddito come obiettivo sociale è importante quanto l'efficienza nella produzione. Non vi è alcun conflitto tra efficienza ed equità nel vero senso poiché è necessario il mantenimento di "equità" o "giustizia distributiva" per migliorare l'efficienza economica. Il motivo è che il peggioramento della distribuzione del reddito è una minaccia alla stabilità sociale che rende le normali transazioni economiche più difficili e costose a causa della crescente incidenza di criminalità e violenza.

Il meccanismo di mercato è, senza dubbio, per promuovere l'efficienza economica ma non per migliorare il modello di distribuzione del reddito. Se la distribuzione del reddito realizzata attraverso il libero mercato non è socialmente desiderabile, il governo deve raggiungere questo obiettivo usando il suo potere coercitivo. Due misure di ridistribuzione del reddito sono l'imposta sul reddito e la sicurezza sociale. Queste attività del governo per correggere i fallimenti del mercato fanno parte dei beni pubblici. Il motivo è che aumentano il benessere economico.

Fallimento del governo :

Il fallimento del governo ha due fonti principali:

(i) Allocazione del budget inefficiente :

Il fallimento del governo si verifica quando c'è un eccesso di offerta di un bene pubblico. La fornitura di beni pubblici riduce i costi che sono alla fine sostenuti dalla tassazione. Se un'attività governativa volta a correggere un fallimento del mercato riduce i costi di bilancio più elevati rispetto al guadagno sociale derivante dalla misura correttiva, rappresenta un eccesso di offerta di beni pubblici.

Sebbene una scarsità di beni pubblici rappresenti un grosso collo di bottiglia per la crescita dei paesi in via di sviluppo, il governo, in quanto organizzazione burocratica, ha una tendenza intrinseca a rifornire eccessivamente questi beni pubblici di domanda sociale relativamente bassa a scapito di quei beni pubblici indispensabili per sviluppo economico.

Gli stanziamenti di bilancio tra i vari beni pubblici vengono effettuati sulla base dei calcoli della forza del rafforzamento del sostegno politico e non tanto delle considerazioni sul loro contributo al benessere economico della società. Per questo motivo, un bene pubblico, come la ricerca scientifica di base, il cui beneficio per la società supera di gran lunga il suo costo, è spesso scarsamente fornito.

Poiché il suo beneficio totale sarà ampiamente distribuito tra un gran numero di persone in futuro, è probabile che quasi nessun gruppo di forti pressioni possa essere organizzato per tali beni pubblici. Al contrario, la costruzione di strade o ponti locali può essere fortemente esercitata su lobby. Tale infrastruttura pubblica potrebbe essere fornita in eccesso se si prevede che produrrà un grande profitto per alcuni appaltatori e / o un piccolo numero di residenti in una ristretta comunità locale.

In secondo luogo, poiché il governo è un monopolista del legittimo potere coercitivo e non ha alcun pericolo di fallimento, ha una tendenza intrinseca ad espandere le sue dimensioni di produzione solo per aumentare il potere e la posizione dei burocrati.

Poiché i burocrati comandano un ampio corpus di informazioni, che non possono essere valutate dalle masse, possono facilmente manipolare le informazioni per gonfiare il valore dei beni pubblici che vogliono fornire (come esagerare il pericolo della sicurezza nazionale per aumentare le spese di difesa, e la dimensione della forza armata).

Inoltre, le organizzazioni governative si trovano normalmente inefficienti in assenza di incentivi agli utili e di possibilità di fallimento. Quindi il governo ha la tendenza a rifornire eccessivamente i beni pubblici non necessari.

Poiché i burocrati e i gruppi di pressione spesso resistono fortemente a qualsiasi riduzione degli interessi acquisiti, non vogliono riallocare risorse di bilancio limitate da una categoria di beni pubblici a un'altra in risposta ai cambiamenti nelle esigenze e priorità sociali.

Di conseguenza c'è spesso un'offerta eccessiva di beni pubblici non necessari e una fornitura insufficiente di beni pubblici di elevata priorità sociale. Tale allocazione di bilancio inefficiente che si traduce in perdita del benessere sociale netto è chiamata "fallimento del governo".

(ii) Bias nell'allocazione del budget :

Il fallimento del governo deriva non solo da un uso improprio del bilancio, ma anche da normative indebite alla propensione nell'allocazione delle risorse. Esistono vari tipi di regolamenti che hanno dato contributi positivi a obiettivi socialmente desiderabili come il controllo dell'inquinamento e la sicurezza del pubblico quando sono stati introdotti per la prima volta, ma in seguito hanno avuto effetti socialmente negativi.

Ad esempio, il controllo regolare obbligatorio delle automobili da parte di gruppi autorizzati a Calcutta ha dato un contributo sociale elevato al controllo dell'inquinamento atmosferico quando le automobili prodotte in India erano di bassa qualità. Tuttavia, poiché la qualità delle auto è notevolmente migliorata nel corso degli anni, questo è diventato un sistema per proteggere gli interessi acquisiti dei gruppi autorizzati a spese degli utenti delle auto,

Ciò che è veramente problematico è che il governo impone sempre più regolamenti quando quelli con interessi acquisiti cercano affitti istituzionali o profitti in eccesso dai regolamenti. Tali affitti sono in parte utilizzati per salvaguardare le normative. Le imprese protette da un regolamento raccolgono fondi e usano le schede elettorali per sostenere i politici in cambio del loro sostegno alla conservazione di questo regolamento.

È anche comune per le aziende nominare funzionari governativi in ​​pensione che hanno ancora stretti contatti con le autorità di regolamentazione e svolgere le proprie attività attraverso relazioni personali. Attraverso attività di ricerca di affitti da parte di burocrati e politici, nonché aziende protette, le norme socialmente negative continuano a essere mantenute e rafforzate. In generale, i regolamenti sono la fonte della corruzione, definita come l'uso di uffici pubblici per guadagno privato.

Sulla scelta del sistema economico :

Politici e burocrati sono agenti per i cittadini e dovrebbero servire e promuovere il benessere della nazione. Tuttavia di solito pongono priorità alte sul proprio profitto che sul benessere delle persone o persino delle proprie nazioni. Tali rischi morali sono abbastanza comuni nei contratti di agenzia nel settore privato, come gli agenti finanziari che gestiscono fondi affidati per il proprio profitto e non per quello dei propri clienti.

Questo è anche noto come problema dell'agente principale. In teoria, i rischi morali non sono un problema serio se un preside può riconoscere l'interesse e l'azione dell'agente e scaricare l'agente prima che causi rischi morali. Nel mondo reale, caratterizzato dall'asimmetria delle informazioni, tuttavia, i rischi morali sono una delle principali fonti di fallimento del mercato.

Questo problema è ancora più grave come fonte di fallimento del governo. In linea di principio, i cittadini dovrebbero essere in grado di scaricare politici e burocrati che commettono rischi morali (attraverso il voto, le rivolte e la rivoluzione, sia violenti che pacifici). Tuttavia, la quantità di informazioni raccolte dalle agenzie governative a fini amministrativi è generalmente molto maggiore di quella disponibile per i singoli cittadini.

È abbastanza facile per politici e burocrati nascondere i loro pericoli morali, spesso in collusione con aziende private sotto il loro patrocinio, manipolando le informazioni sulle quali hanno il monopolio. Al contrario, il costo della rilevazione dei pericoli morali nelle agenzie governative è generalmente molto elevato per un laico.

E i suoi costi per la trasmissione di queste informazioni alla maggioranza dei cittadini e l'organizzazione di campagne politiche contro la corruzione e la cattiva condotta da parte delle agenzie governative sono davvero proibitivi. I guadagni per la nazione nel suo insieme dalle sue attività possono essere molto più grandi del costo che probabilmente dovrà sostenere.

Ma questi guadagni saranno ampiamente diffusi tra molte persone, quindi il suo guadagno sarebbe troppo piccolo per coprire l'enorme costo della raccolta di informazioni, della discriminazione e della campagna politica. È quindi abbastanza ovvio che le attività di prevenzione dei rischi morali da parte del governo sono molto più piccole di quanto socialmente desiderabile.

Al contrario, le attività politiche di piccoli gruppi di interesse (come uomini d'affari, commercianti e professionisti) disposti a indulgere in attività istituzionali in cerca di rendite da controlli e regolamenti socialmente negativi sono intense e probabilmente si espanderanno nel tempo. Per questo motivo la perdita sociale derivante dal fallimento del governo spesso supera di gran lunga quella del fallimento del mercato.

Un esempio :

In realtà a volte è difficile tracciare una linea di demarcazione tra il fallimento del mercato e il fallimento del governo. La Commissione finanziaria del 1997, nel sud-est asiatico, illustra questo punto. Vedi Fig. 1.

Mentre la Grande Depressione del 1929-33 è un esempio storico di fallimento del mercato, il crollo del socialismo nel 1989 è un lampante esempio di fallimento del governo. Le economie che hanno subito gravi danni sono state quelle che hanno mantenuto un tasso di cambio fisso sotto il conto del capitale.

La crisi finanziaria nell'Asia orientale mostra chiaramente che il fallimento del governo in un conto di capitale regolamentato potrebbe essere grave in quanto il fallimento del mercato nel conto di capitale liberalizzato. La crisi finanziaria, causata da un enorme boom degli investimenti, avrebbe potuto essere evitata se il governo avesse adottato i mezzi per ridurre la domanda prima che l'economia si surriscaldasse.

Le politiche finanziarie per controllare l'offerta di moneta domestica e i tassi di interesse non sono efficaci nel controllo della domanda interna se non vi è alcuna regolamentazione dei movimenti di capitali internazionali nell'ambito del sistema di cambi fissi. In una tale situazione, la politica fiscale sotto forma di riduzione della spesa pubblica non è politicamente fattibile a meno che e fino a quando l'economia non si surriscalda davvero.

La crisi finanziaria asiatica è un esempio di fallimento del mercato derivante da informazioni imperfette sul mercato internazionale dei capitali. È anche un esempio di fallimento del governo. Si è verificato a causa del fallimento del governo nel fornire un'adeguata supervisione e regolamentazione prudenti delle transazioni rischiose nel mercato finanziario internazionale.

Si è verificato a causa del fallimento del governo nell'adempiere al proprio mandato di base, vale a dire la fornitura di adeguati beni pubblici. Tuttavia, resta il fatto che agenti privati ​​in cerca di profitto, fuorviati da informazioni imperfette, erano direttamente responsabili della creazione della crisi in Asia orientale.

Ruolo gratuito del mercato e dello Stato :

Sia il mercato che lo stato sono indispensabili per allocare le risorse. Il criterio principale da utilizzare nella scelta di un sistema economico è quello di trovare il giusto mix di mercato e stato riconoscendo chiaramente i possibili fallimenti di queste due organizzazioni. Per i paesi in via di sviluppo, il tipo e l'entità dei fallimenti del mercato e del governo dipendono dalle fasi di sviluppo.

In generale, meno le economie sono sviluppate, più le informazioni sono imperfette e meno le organizzazioni sono organizzate a sostegno del mercato (come la protezione dei diritti di proprietà privata). In tali economie, i fallimenti del mercato assumono proporzioni serie. Quindi, è necessario un forte intervento del governo per correggerli.

Tuttavia, in questi paesi meno sviluppati, i livelli di istruzione delle persone sono bassi e i mass media per la formazione dell'opinione pubblica sono sottosviluppati. Per questi due motivi non c'è molta partecipazione delle persone alle questioni politiche. In tali condizioni sociali il fallimento del governo è un problema molto più grave del fallimento del mercato.

Quindi la scelta di una combinazione ottimale del mercato e dello stato è di fondamentale importanza nel formulare il design e influenzare il modello di sviluppo.

Negli ultimi anni, il FMI e la Banca mondiale si sono preoccupati profondamente della riduzione della povertà nei paesi meno sviluppati, stimolando allo stesso tempo la crescita fornendo assistenza per l'adeguamento strutturale. Ciò richiede un'attuazione efficace della strategia di ridistribuzione con crescita, ovvero crescita più rapida e maggiore giustizia distributiva. Senza dubbio la concorrenza sul mercato è uno strumento forte per aumentare l'efficienza economica ma non per migliorare l'equità.

Per alleviare la povertà, potrebbe essere necessario utilizzare strumenti non di mercato per ridistribuire il reddito prodotto dal mercato a favore dei poveri. Inoltre, la povertà non è solo una ricevuta di un reddito minimo di sussistenza sociale, ma anche una limitazione delle capacità umane. Pertanto, i servizi sociali come l'istruzione, le reti sanitarie e di sicurezza sociale devono essere forniti ai poveri dal governo.

Negli ultimi due decenni la maggior parte dei paesi meno sviluppati ha introdotto riforme economiche su insistenza del FMI. Le riforme in tali paesi hanno cercato di ridurre il controllo e l'intervento del governo. Tuttavia, questo è un passo nella giusta direzione poiché l'abbandono dell'effetto indiretto è la fonte comune di tutti gli errori.

Questo perché i fallimenti del mercato derivanti da tali riforme saranno molto grandi laddove il mercato è altamente imperfetto a causa di informazioni imperfette. Tuttavia, nell'economia caratterizzata da alti livelli di imperfezione delle informazioni, i fallimenti del governo possono essere persino più gravi e dannosi del fallimento del mercato.

 

Lascia Il Tuo Commento