Le 9 principali funzioni della banca centrale - Spiegate!

La funzione principale di una banca centrale è quella di governare le macchine del credito al fine di garantire la stabilità dei prezzi.

Regola il volume del credito e della valuta, pompando più denaro quando il mercato è privo di liquidità e pompando denaro quando c'è un eccesso di credito.

In India RBI ha due dipartimenti, vale a dire. Dipartimento di emissione e dipartimento bancario.

Discutiamo di seguito le sue funzioni principali:

1. Emissione di valuta:

La banca centrale ha il solo monopolio dell'emissione di valuta al fine di garantire il controllo del volume di valuta e credito. Queste note circolano in tutto il paese come moneta a corso legale. Deve mantenere una riserva sotto forma di oro e titoli esteri secondo le norme statutarie contro le note emesse da esso.

Si può notare che l'RBI emette tutte le banconote in India tranne una banconota da rupia. Ancora una volta, è sotto le indicazioni dell'RBI che le banconote e le monete di una rupia vengono emesse da zecche governative. Ricorda, il governo centrale di un paese è di solito autorizzato a prendere in prestito denaro dalla banca centrale.

Quando la spesa del governo centrale supera le entrate del governo e il governo non è in grado di ridurre le proprie spese, prende in prestito dall'RBI. Questo viene fatto vendendo fatture di sicurezza a RBI che crea nuove banconote allo scopo. Questo si chiama monetizzazione del deficit di bilancio o del finanziamento del deficit. Il governo spende nuova valuta e la mette in circolazione per far fronte alle sue spese.

2. Banchiere al governo:

La banca centrale funge da banchiere del governo, sia i governi centrali che quelli statali. Svolge tutte le attività bancarie del governo. Il governo mantiene i saldi di cassa nel conto corrente presso la banca centrale. Allo stesso modo, la banca centrale accetta le ricevute ed effettua il pagamento per conto dei governi.

Inoltre, la banca centrale svolge operazioni di cambio, rimesse e altre operazioni bancarie per conto del governo. La banca centrale concede prestiti e anticipazioni ai governi per periodi temporanei, quando e quando necessario e gestisce anche il debito pubblico del paese. Ricorda, il governo centrale può prendere in prestito qualsiasi somma di denaro da RBI vendendo i suoi titoli di rupie a quest'ultimo.

3. Banca del banchiere e supervisore:

Di solito ci sono centinaia di banche in un paese. Ci dovrebbe essere qualche agenzia per regolare e supervisionare il loro corretto funzionamento. Questo dovere è assolto dalla banca centrale.

La banca centrale funge da banca del banchiere a tre livelli:

(i) È il depositario delle loro riserve di cassa. Le banche del paese sono tenute a mantenere una certa percentuale dei loro depositi presso la banca centrale; e in questo modo la banca centrale è il detentore finale delle riserve di cassa delle banche commerciali, (ii) la banca centrale è il prestatore di ultima istanza. Ogni volta che le banche sono a corto di fondi, possono prendere prestiti dalla banca centrale e ottenere le loro bollette commerciali scontate. La banca centrale è una fonte di grande forza per il sistema bancario, (iii) agisce come una banca di liquidazione centrale, insediamenti e trasferimenti. La sua persuasione morale è di solito molto efficace per quanto riguarda le banche commerciali.

4. Controllore del credito e dell'offerta di moneta:

La banca centrale controlla il credito e l'offerta di moneta attraverso la sua politica monetaria che consiste di due parti: valuta e credito. La banca centrale ha il monopolio dell'emissione di banconote (tranne le banconote da una rupia, le monete da una rupia e le piccole monete emesse dal governo) e quindi può controllare il volume della valuta.

L'obiettivo principale della funzione di controllo del credito della banca centrale è la stabilità dei prezzi insieme alla piena occupazione (livello di produzione). Controlla il credito e l'offerta di moneta adottando misure quantitative e qualitative come discusso nella Sezione 8.25. A seguito di tre misure quantitative di controllo del credito da parte di RBI sono richiamate per riferimento immediato.

Strumenti di politica monetaria:

(i) Tasso bancario (02009, 10C):

Questo è il tasso di interesse al quale la banca centrale presta alle banche commerciali. È, in un certo senso, il costo del prestito. Il credito economico promuove gli investimenti, mentre i soldi cari lo scoraggiano. In una situazione di eccesso di domanda e pressione inflazionistica, la banca centrale aumenta il tasso bancario. L'alto tasso bancario obbliga le banche commerciali ad aumentare, a sua volta, il tasso di interesse che rende caro il credito. Di conseguenza, la domanda di prestiti e altri scopi diminuisce.

Pertanto, l'aumento del tasso bancario da parte della banca centrale influisce negativamente sulla creazione di credito da parte delle banche commerciali. Una riduzione del tasso bancario avrà l'effetto opposto. Allo stato attuale (febbraio 2013), il tasso bancario (chiamato anche tasso di pronti contro termine, ovvero il tasso al quale le banche prendono in prestito da RBI) è del 7, 75% e il Revo Repo Rate (tasso a cui le banche parcheggiano i loro fondi in eccesso con RBI) è del 7, 0%.

(ii) Operazioni di mercato aperto:

Si riferiscono all'acquisto e alla vendita di titoli di Stato da parte della banca centrale a cittadini e banche. Questo viene fatto per influenzare l'offerta di moneta nel paese. Mente, la vendita di titoli di stato a banche commerciali significa flusso di denaro nella banca centrale che riduce le riserve di cassa. Di conseguenza, la disponibilità di credito delle banche commerciali è ridotta / controllata. Quando la banca centrale acquista titoli, aumenta le riserve di cassa delle banche e la loro capacità di dare credito.

(iii) Cash Reserve Ratio (CRR):

Le banche commerciali sono tenute per legge a mantenere una certa percentuale dei loro depositi totali presso la banca centrale sotto forma di riserve di cassa. Questo si chiama CRR. È un potente strumento per controllare la capacità di credito e di prestito delle banche. Attualmente (febbraio 2013), il CRR è del 4, 0%.

Per ridurre la capacità di erogazione del credito delle banche, la banca centrale aumenta il CRR ma quando vuole migliorare i poteri di erogazione del credito della banca, riduce il CRR. Allo stesso modo, esiste un'altra misura chiamata Legal Reserve Ratio (A2012) —LRR che ha due componenti — CRR e SLR. Secondo il rapporto di liquidità legale o SLR, ogni banca è tenuta a mantenere una percentuale fissa (rapporto) delle proprie attività in contanti denominata rapporto di liquidità. La SLR è sollevata per ridurre la capacità delle banche di dare credito. Ma la SLR si riduce quando la situazione dell'economia richiede l'espansione del credito.

5. Controllo dei cambi:

Un altro dovere di una banca centrale è di mantenere il valore esterno della valuta. Ad esempio, in India, la Reserve Bank of India adotta misure per garantire il valore esterno di una rupia. Adotta misure adeguate per raggiungere questo obiettivo. Il sistema di controllo dei cambi è una di queste misure.

Sotto il sistema di controllo dei cambi, ogni cittadino indiano deve depositare presso la Reserve Bank of India tutta la valuta estera o lo scambio che riceve. E qualsiasi valuta estera di cui abbia bisogno deve essere garantita dalla Reserve Bank presentando una domanda nel modulo prescritto.

6. Prestatore di ultima istanza:

Quando le banche commerciali hanno esaurito tutte le risorse per integrare i loro fondi in periodi di crisi di liquidità, si avvicinano alla banca centrale come ultima risorsa. Quale prestatore di ultima istanza, la banca centrale garantisce solvibilità e fornisce alloggi finanziari alle banche commerciali (i) riscoprendo i loro titoli e cambiali ammissibili e (ii) fornendo prestiti a fronte dei loro titoli. Ciò salva le banche da possibili guasti e il sistema bancario da un possibile guasto. D'altra parte, la banca centrale, fornendo una sistemazione finanziaria temporanea, salva la struttura finanziaria del paese dal collasso.

7. Custode di cambi o saldi:

È stato menzionato sopra che una banca centrale è la custode delle riserve valutarie e dell'oro della nazione. Tiene d'occhio il valore esterno della sua valuta e si impegna a controllare la gestione dei cambi. Tutta la valuta estera ricevuta dai cittadini deve essere depositata presso la banca centrale; e se i cittadini vogliono effettuare pagamenti in valuta estera, devono rivolgersi alla banca centrale. La banca centrale mantiene anche riserve di oro e lingotti.

8. Funzione Clearing House:

Le banche ricevono assegni prelevati dalle altre banche dai loro clienti che devono realizzare dalle banche dei beneficiari. Allo stesso modo, gli assegni su una determinata banca vengono estratti e passati nelle mani di altre banche che devono realizzarli dalle banche dei beneficiari. La realizzazione indipendente e separata di ciascun assegno richiederebbe molto tempo e, pertanto, la banca centrale fornisce servizi di compensazione, vale a dire, strutture per le banche che si riuniscono ogni giorno e fanno valere i loro crediti.

9. Raccolta e pubblicazione dei dati:

Le è stato inoltre affidato il compito di raccogliere e compilare informazioni statistiche relative al settore bancario e ad altri settori finanziari dell'economia.

 

Lascia Il Tuo Commento