Economie e diseconomie di scala

Le economie di scala sono definite come i vantaggi in termini di costi che un'organizzazione può ottenere espandendo la propria produzione a lungo termine.

In altre parole, questi sono i vantaggi della produzione su larga scala dell'organizzazione. I vantaggi in termini di costi si ottengono sotto forma di costi medi inferiori per unità.

È un concetto a lungo termine. Le economie di scala si ottengono quando c'è un aumento delle vendite di un'organizzazione. Di conseguenza, aumenta il risparmio dell'organizzazione, che consente ulteriormente all'organizzazione di ottenere materie prime alla rinfusa. Questo aiuta l'organizzazione a godere di sconti. Questi benefici sono chiamati come economie di scala.

Le economie di scala sono divise in economie interne ed economie esterne discusse come segue:

io. Economie interne:

Fare riferimento alle economie reali che derivano dall'espansione delle dimensioni dell'impianto dell'organizzazione. Queste economie derivano dalla crescita dell'organizzazione stessa.

Gli esempi di economie di scala interne sono i seguenti:

un. Economie tecniche di scala:

Si verificano quando le organizzazioni investono nella tecnologia costosa e avanzata. Questo aiuta a ridurre e controllare i costi di produzione delle organizzazioni. Queste economie sono godute grazie all'efficienza tecnica acquisita dalle organizzazioni. La tecnologia avanzata consente a un'organizzazione di produrre un gran numero di merci in breve tempo. Pertanto, i costi di produzione per unità diminuiscono portando a economie di scala.

b. Economie di marketing di scala:

Si verificano quando le grandi organizzazioni distribuiscono il proprio budget di marketing sull'output di grandi dimensioni. Le economie di scala del marketing sono raggiunte in caso di acquisto all'ingrosso, branding e pubblicità. Ad esempio, le grandi organizzazioni godono di benefici sui costi pubblicitari in quanto coprono un pubblico più vasto. D'altra parte, le piccole organizzazioni pagano le stesse spese pubblicitarie delle grandi organizzazioni, ma non godono di tali benefici sui costi pubblicitari.

c. Economie di scala finanziarie:

Si verificano quando le grandi organizzazioni prendono in prestito denaro a un tasso di interesse inferiore. Queste organizzazioni hanno una buona credibilità nel mercato. In generale, le banche preferiscono concedere prestiti a quelle organizzazioni che hanno un forte punto d'appoggio nel mercato e hanno una buona capacità di rimborso.

d. Economie gestionali di scala:

Si verificano quando le grandi organizzazioni impiegano lavoratori specializzati per svolgere compiti diversi. Questi lavoratori sono esperti nei loro settori e usano le loro conoscenze ed esperienze per massimizzare i profitti dell'organizzazione. Ad esempio, in un'organizzazione, i conti e il dipartimento di ricerca sono creati e gestiti da individui esperti, in modo che tutti i costi e i profitti dell'organizzazione possano essere stimati correttamente.

e. Economie commerciali:

Fare riferimento alle economie in cui le organizzazioni godono dei vantaggi dell'acquisto di materie prime e della vendita di prodotti finiti a costi inferiori. Le grandi organizzazioni acquistano materie prime alla rinfusa; pertanto, usufruisci di vantaggi in termini di spese di trasporto, facile credito da parte delle banche e pronta consegna dei prodotti ai clienti.

ii. Economie esterne:

Si verificano al di fuori dell'organizzazione. Queste economie si verificano all'interno delle industrie a beneficio delle organizzazioni. Quando un'industria si espande, le organizzazioni possono beneficiare di una migliore rete di trasporto, infrastrutture e altre strutture. Questo aiuta a ridurre il costo di un'organizzazione.

Alcuni degli esempi di economie di scala esterne sono discussi come segue:

un. Economie di concentrazione:

Fare riferimento alle economie derivanti dalla disponibilità di manodopera qualificata, credito migliore e strutture di trasporto.

b. Economie di informazione:

Implica i vantaggi derivati ​​dalla pubblicazione relativa al commercio e alle imprese. Gli istituti di ricerca centrali sono la fonte di informazioni per le organizzazioni.

c. Economie di disintegrazione:

Fare riferimento alle economie che sorgono quando le organizzazioni suddividono i loro processi in processi diversi.

Le diseconomie di scala si verificano quando aumentano i costi medi a lungo termine dell'organizzazione. Può accadere quando un'organizzazione diventa eccessivamente grande. In altre parole, le diseconomie di scala inducono le organizzazioni più grandi a produrre beni e servizi a costi maggiori.

Esistono due tipi di diseconomie di scala, vale a dire diseconomie interne e diseconomie esterne, discusse come segue:

io. Diseconomie interne di scala:

Fare riferimento a diseconomie che aumentano il costo di produzione di un'organizzazione. I principali fattori che influenzano il costo di produzione di un'organizzazione includono la mancanza di decisione, supervisione e difficoltà tecniche.

ii. Diseconomie di scala esterne:

Fare riferimento a diseconomie che limitano l'espansione di un'organizzazione o di un settore. I fattori che frenano l'espansione includono aumento dei costi di produzione, scarsità di materie prime e scarsa disponibilità di manodopera qualificata.

Esistono diverse cause per diseconomie di scala.

Alcune delle cause che portano a diseconomie di scala sono le seguenti:

io. Povera comunicazione:

Agire come una delle principali ragioni per diseconomie di scala. Se gli obiettivi di produzione e gli obiettivi di un'organizzazione non vengono adeguatamente comunicati ai dipendenti all'interno dell'organizzazione, ciò può portare alla sovrapproduzione o alla produzione. Ciò può portare a diseconomie di scala.

A parte questo, se il processo di comunicazione dell'organizzazione non è solido, i dipendenti non otterrebbero un feedback adeguato. Di conseguenza, ci sarebbero meno interazioni faccia a faccia tra i dipendenti, quindi il processo di produzione ne risentirebbe.

ii. Mancanza di motivazione:

Porta a un calo dei livelli di produttività. Nel caso di una grande organizzazione, i lavoratori possono sentirsi isolati e sono meno apprezzati per il loro lavoro, quindi la loro motivazione diminuisce. A causa della scarsa rete di comunicazione, è più difficile per i datori di lavoro interagire con i dipendenti e creare un senso di appartenenza. Ciò porta a una riduzione dei livelli di produttività della produzione a causa della mancanza di motivazione. Ciò porta ad un aumento dei costi dell'organizzazione.

iii. Perdita di controllo:

Funziona come il problema principale delle grandi organizzazioni. Monitorare e controllare il lavoro di ogni dipendente in una grande organizzazione diventa impossibile e costoso. È più difficile capire che tutti i dipendenti di un'organizzazione stanno lavorando per raggiungere lo stesso obiettivo. Diventa difficile per i manager supervisionare le sotto-ordinate nelle grandi organizzazioni.

iv. Cannibalizzazione:

Implica una situazione in cui un'organizzazione deve far fronte alla concorrenza del proprio prodotto. Una piccola organizzazione deve far fronte alla concorrenza dei prodotti di altre organizzazioni, mentre a volte le grandi organizzazioni scoprono che i propri prodotti sono in concorrenza tra loro.

 

Lascia Il Tuo Commento